Valentina Iacovelli : Naso a Papera

Naso a Papera

DSCF4986

30×40 acrilico su tela

Valentina Iacovelli si dedica allo studio tra segno e colore tra questo dualismo matura e si esprime la poetica del sentire e nello svelare come e quanto l’olfatto porta alla selezione di sensazioni speciali;  il ” Metterci Naso” è il mettere in evidenza che   distratti da una mentalità visivo-acustica, abbiamo relegato l’olfatto tra i sensi ‘minori’.  Il Naso è simbolo di perspicacia (avere naso) ma anche dei suoi limiti, (non andare oltre il proprio Naso). Con questo studio sui Nasi l’artista vuole mettere in evidenza questa caratteristica che ci racconta come e  quanto gli odori influenzino i nostri comportamenti e come, per noi umani, l’atto dell’annusare implichi un vero e proprio processo di conoscenza. La sua poetica pittorica si esprime attraverso un segno netto e deciso questi suoi Nasi in un non luogo ci regalano delle atmosfere contemporanee e nello stesso tempo retrò.

“ Il naso sente un odore e sceglie”

” Un artista è solo un animale in cerca dei tartufi che il naso gli indica”. Per descrivere il suo rapporto con l’intuizione, il grande musicista russo Igor Stravinsky non parlava delle sue orecchie, come era lecito aspettarsi, ma partiva dal naso. Non sbagliava:  l’olfatto, che ha sede nella cavità nasale, è il più arcaico e il più legato alle nostre origini animali.

VALENTINA IACOVELLI

ShareShare TweetTweet